Mai rinfacciare i propri sentimenti. – I classici errori di noi uomini.

Caro mr. Seduzione, ti riscrivo per aggiornarti riguardo alla situazione con quella mia amica… allora, quando pensavo di aver oramai rimosso quello strano discorso sull’amicizia, ecco che una sera dopo una festa ci avviciniamo improvvisamente: ci abbracciamo amichevolmente ed iniziamo a parlare… successivamente in macchina lei si appoggia a me: io le accarezzo un pò la testa e lei allora prende il mio braccio e si fa abbracciare iniziando anche ad accarezzarlo. In quel momento ho sentito un pò un fremito in me, ma dato che c’era un amico che avrei potuto offendere facendo qualche mossa più azzardata ho lasciato perdere, limitandomi solamente a rispondere alle carezze. Sabato ci rivediamo… lei mi cerca, ed ad un certo punto mi prende la mano e dice “Sono troppo ubriaca, portami a fare un giro” . Allora ci facciamo il giro della casa di questo amico come due scemi , ma io ero molto contento del fatto che mi avesse dato la mano. Poi dopo scendiamo, ma improvvisamente vedo che lei si sgancia e va un pò da altri amici ( e noto anche qualche gesto affettuoso nei loro confronti ). Penso allora “Ok, adesso sono fregato, ho interpretato in maniera sbagliata certe cose…” . Un pò deluso me ne vado senza dare tante spiegazioni. Non volendo rimanere nel dubbio (ed avendo capito che a lei alla fine ci tengo) , decido di parlarle oggi. La chiamo e le dico “Senti, ci sono delle cose che voglio chiarire con te , vediamoci oggi pomeriggio” . Vado a casa sua ed imposto un discorso del tipo “Le cose che voglio chiarire sono alcuni atteggiamenti che hai avuto con me: le rinfresco la memoria riguardo alle cose che aveva fatto e le dico che se magari per lei alcuni gesti possono voler dire una cosa, per me ne significano un’altra, pertanto se aveva intenzione di prendermi in giro era meglio se la finiva” . Le ho detto che prima di quelle cose pensavo che fosse un’amica, e volevo sapere se appunto c’era qualcosa dietro. Lei mi ha detto “Non mi ricordo esattamente quello che ho fatto, ma non c’era malizia in quello che facevo, almeno credo… forse un pò, ma non era mia intenzione” . Poi mi ha confessato che prima di stare con questo mio amico per due anni, voleva stare con me ma ha desitito perchè un’altro amico le ha detto che mi faceva schifo… Le ho detto che non era assolutamente vero, che fisicamente non mi era mai dispiaciuta, ma che comunque l’avevo sempre vista come un’amica. Insomma poi è rimasta un pò a pensare e mi pareva un pò sorpresa della piega che stava prendendo il discorso ed ha detto “Mmm a volte magari uno vuole fare una cosa ma poi pensa che non si puo” (chiaramente riferito alla situazione “tu sei amico del mio ex; chissà che cosa succederebbe nel gruppo se facessimo qualcosa” ) , poi mi ha detto “Chissà, un giorno arriverà il nostro momento” . In tutto questo, non le ho mai detto chiaramente che mi piace nel senso che ci vorrei stare insieme, e visto che dovevo andarmene ho detto “Vabè io vado, ma adesso che abbiamo parlato in questi termini va a finire che si verificheranno situazioni imbarazzanti uscendo con gli altri, forse è meglio se non ci vediamo per un pò”. Ho concluso con “E’ meglio che non parli con gli altri del fatto che sono venuto quì, non perchè abbia vergogna, ma perchè va a finire che qualcuno si incazza.” . Torno a casa in serata, e dopo poco lei subito mi cerca: dice che c’è una festa di un ragazzo in un locale, voleva sapere se andavo. Io le ho detto che sinceramente mi scocciavo, ed ha risposto “ci sono un sacco di persone che mi stanno antipatiche, ma era giusto per non stare a casa” . A quel punto un’amico mi ha suggerito di invitarla ad uscire… e non l’ho fatto. A questo punto mi chiedevo cosa sia giusto fare adesso per avere il controllo di questa situazione che (grazie ovviamente agli erorri commessi) mi sembra ancora più complessa…

Scusate ancora se sono stato lunghissimo, ma ho voluto arricchire la storia di particolari visto che negli articoli precedenti si è parlato molto di fare attenzione a questi ultimi…

Probabilmente potremmo aprire una top ten degli errori più tipici che commettono gli uomini quando s’innamorano di una donna e non hanno le idee chiare su come fare per conquistarla.

Eventualmente quando ne avremo affrontati almeno una decina, procederemo ad elencarli per ordine di gravità.

Ma torniamo a noi: vedi ci sono tanti elementi che portano una donna a perdere interesse in un uomo.

Talvolta si tratta di elementi legati alla postura, al modo in cui ci si presenta, o al tono di voce con cui ci rivolgiamo alle persone che ci circondano.

Tuttavia, se il linguaggio verbale CONTINUA AD AVERE UN RUOLO MARGINALE all’interno del gioco della seduzione, di certo i valori ed il nostro punto di vista, restano fattori che ci possono portare a perderci per strada e mancare i nostri obiettivi.

Mi riferisco ovviamente al tuo caso.

Una donna, ma tutto sommato anche le altre persone con cui abbiamo a che fare, tendono ad interpretare le nostre aspettative e le nostre reazioni a determinati effetti, per capire la nostra forza e la considerazione che abbiamo di noi stessi.

In particolare una donna ha bisogno di percepire che tu sia ad un livello superiore al suo, ha bisogno di sentire che stando vicino a te, sarà un po come vivere per quei pochi istanti una realtà superiore a quella a cui è abituata quotidianamente.

Tu andando a metterla di fronte ai fatti, quasi come se averti presa per mano o averti abbracciato, fosse stata una grave provocazione, le hai comunicato di essere inferiore a lei.

Ok, prendere per mano, può considerarsi un segno d’interesse nei tuoi confronti, ma molte volte è anche un semplice test per capire cosa pensi di lei.

Un modo poco rischioso per vedere se tra voi c’è empatia o se preferisci per capire se tu sia un uomo adatto a lei.

La seduzione è un gioco, non è una trattativa commerciale, non ci sono contratti, l’unica moneta di scambio è il piacere.

Ora ti chiedo, è un piacere stare con te? Quanto piacere prova una donna dalla tua compagnia?

La dimensione di questo piacere puoi considerarlo come il tuo valore.

Il tuo valore lo si può quantificare da semplici elementi oltre al piacere, ti faccio subito due esempi:

Chi di voi due sta inseguendo l’altro?

Chi tra voi due sta cercando l’approvazione dell’altro?

La seduzione passiva, o se preferisci chiamarla come il motivo per cui una donna si sente attratta ad un uomo, funziona sul principio secondo cui la donna sente che da te potrà vivere le emozioni che si aspetta da un uomo, all’altezza delle sue aspettative.

Non so se ti sia mai capitato di toccare due oggetti molto simili tra loro e di non sapere il motivo per cui uno dei due ti desse l’impressione di essere di una qualità maggiore?

Per poi scoprire magari che quello che ti dava l’impressione di essere qualitativamente superiore fosse poi quello più economico?

Qualche struttura mentale dentro la tua testa, in quegli istanti, basandosi su fattori istintivi ed emozionali, ha sentito di preferire un oggetto rispetto ad un altro, nonostante fosse di valore inferiore.

Naturalmente questo fenomeno, avviene anche e soprattutto tra uomo e donna ed è il classico paradosso per cui le donne scegono uomini con caratteristiche decisamente inferiori rispetto a quelle a cui potrebbero aspirare.

Le donne non scelgono gli uomini migliori in senso assoluto, ma si sentono attratte istintivamente da coloro che riescono a dare loro questa percezione di essere i migliori.

Non importa che tu sia migliore per davvero, ciò che conta davvero è che tu riesca ad inviare questa immagine di te stesso nella sua mente.

SE LEI TI PERCEPISCE MIGLIORE DEGLI ALTRI, TU SEI MIGLIORE DEGLI ALTRI.

Questa è la verità, questa è la ragione per cui molte donne tendono ad innamorarsi di uomini che a prima vista ti potrebbero sembrare “inadeguati” a loro o alla loro bellezza.

Questo significa che non saranno i soldi ad aiutarti ad essere vissuto come migliore, non sarà una bella macchina o la casa in riva al mare.

Se la tua mente è in grado di proiettare nella sua testa, l’immagine giusta, dove tu DIVENTI IL SUO UOMO IDEALE, non si tratta di aspettare mesi o settimane, ma è più una questione di minuti, prima che una donna si innamori di te.

Tag: , , , , , , ,

3 Risposte to “Mai rinfacciare i propri sentimenti. – I classici errori di noi uomini.”

  1. :boe: Says:

    bellissimo post, sintetizza il tuo pensiero e quello che dovrebbe essere il pensiero di tutti noi lettori..
    complimenti ancora!!!🙂

  2. Liquid Says:

    Ciao, Mr seduzione.
    Da poco mi sono innamorato di una ragazza.
    Prima lei era interessatissima, poi innamorandomi, sono diventato possessivo, ci litighiamo spesso e adesso non c’è piu quella felicità nel parlaci.Sembra che abbia perso interesse verso di me. Lei è una ragazza che non lascia vedere le sue emozioni, sembra quasi fredda di suo.
    Dopo questi piccoli errori come posso fare per farla reinteressare?
    è possibile o no?
    Grazie anticipatamente.

  3. Mr. Seduzione Says:

    torna a farle apprezzare i momenti in cui state insieme, tanto per incominciare.

    perchè se continui ad essere possessivo, l’unica cosa che ti rimarrà tra le mani, sarà il suo ricordo..

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: